Bando “Fondo Gianesini”

 
Condividi questa pagina con:
 

Raccomandare questa pagina

IMG_2408

Per il terzo anno consecutivo UniCredit Foundation  e l’Università degli studi di Verona hanno promosso,  grazie alla donazione di un privato cittadino, 4  borse di studio a favore di laureati/dottorandi/dottori  di ricerca/medici specialisti per un’esperienza di  approfondimento (studio o ricerca) all’estero nei  campi dell’economia e della medicina.

 

Le borse, del  valore di 25.000 euro ognuna, come tradizione sono state destinate rispettivamente due al Dipartimento  di Scienze Economiche e altrettante alla Scuola di  Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di  Verona. Tutti i candidati hanno presentato un progetto  di ricerca da realizzarsi all’estero con una durata  compresa fra i 9 e i 12 mesi.

 

Lo scorso dicembre  sono stati annunciati i vincitori, selezionati da una  Commissione nominata dall’Università e composta  da professori universitari e da un membro esterno  nominato da UniCredit Foundation. Questi i loro nomi:  Marco Albori e Giovanni Covi (per il Dipartimento  di Scienze Economiche); Marco Cordani e Andrea  Fagagnini (per la Scuola di Medicina e Chirurgia).  Come annunciato nella scorsa edizione del report  la donazione messa a disposizione dal filantropo  veronese ha consentito ai due partner promotori del  Fondo Gianesini di lanciare un’altra iniziativa: il “Premio  di ricerca Fondo Gianesini 2016”, attraverso il quale  due giovani professori associati, assistenti o ricercatori  di qualsiasi nazionalità provenienti da tutte le università  europee, hanno potuto usufruire di un fondo di 15.000  euro l’uno per sviluppare in Italia due progetti di ricerca  della durata di un anno, uno in ambito economicofinanziario,  l’altro nel campo delle scienze mediche. 

 

Ugo M. Gragnolati è risultato il vincitore del Premio  di Ricerca Fondo Gianesini per il Dipartimento di  Scienze Economiche, mentre Melania Dovizio si è vista  assegnare il Premio di Ricerca Fondo Gianesini per la  Scuola di Medicina e Chirurgia. 

 

Entrambi sono stati invitati a trascorrere un periodo di  visiting presso l’Università veronese per condividere  e discutere i risultati in progress del proprio lavoro e  a presentare la propria ricerca durante un workshop  pubblico