Italia Bando Carta E 2019

 
Condividi questa pagina con:
 

Raccomandare questa pagina

Carta E 2019 bis
iStock-498444795

I vincitori della Call for the Regions Carta E 2019

 

Sono stati selezionati i vincitori della “Call for the Regions – Carta E 2019”, promossa da UniCredit Foundation e destinata quest’anno a sostenere progetti a favore dell’infanzia.

 

Le 7 Regions italiane, le strutture organizzative di UniCredit presenti sul territorio e deputate a gestire i rapporti della banca a livello locale, suddivise in Nord Ovest, Lombardia, Nord Est, Centro Nord, Centro, Sud  e Sicilia,  hanno avuto un ruolo fondamentale per il successo dell’iniziativa. Le 7 Regions sono state infatti richieste di inviare una short list di progetti. Con il supporto di una giuria di esperti costituita per l’occasione, la  Fondazione ha individuato  tre iniziative per ogni Region, assegnando a una di queste un premio fino a 30.000 Euro ed alle altre due premi fino a 10.000 Euro.

 

Grazie alla loro presenza  sul territorio, le Regions sono state in grado di cogliere i bisogni e le sensibilità delle

comunità locali in cui il Gruppo opera, e ad individuare e proporre ad UniCredit Foundation  le iniziative dedicate all’infanzia ed adolescenza (fino ai 18 anni) più meritevoli di accedere alla selezione finale. Sono stati ammessi alla call solo progetti sostenuti  da Onlus costituite in data antecedente al 31 dicembre 2017. Tra questi, sono stati premiati i progetti maggiormente  in grado di rappresentare le priorità in ambito sociale delle comunità territoriali di origine con maggior capacità di generare impatto positivo in una prospettiva di medio e lungo periodo.

 

I progetti selezionati  toccano diverse tipologie di intervento: dalle iniziative di “umanizzazione” dei reparti pediatrici, al sostegno ai bambini disabili, dal supporto a ragazzi in situazione di fragilità fino alla promozione di un utilizzo consapevole delle nuove tecnologie.

 

Ancora una volta questo è possibile grazie alle risorse raccolte attraverso la UniCredit Carta E, la carta di credito a contribuzione etica lanciata dal Gruppo nel 2005. Grazie al suo particolare meccanismo, UniCredit rinuncia ad una parte della propria quota commissionale pari al 2 ‰ di ogni spesa effettuata con la carta, e tale quota va ad alimentare un fondo destinato a iniziative sostenute da UniCredit in ambito sociale a livello nazionale. Grazie a queste risorse il Gruppo UniCredit ha  destinato fino ad oggi circa 14 milioni di euro a un fondo di beneficenza e finanziato così oltre 370 progetti di solidarietà sociale a livello locale e nazionale.

 

Nei prossimi mesi UniCredit Foundation lavorerà sull’estensione a  tutto il perimetro internazionale del Gruppo di questo approccio, con una nuova iniziativa sull’infanzia.

 

Per informazioni contattare UniCredit Foundation tramite la seguente mail : info@unicreditfoundation.org 

 

 

SCOPRI I PROGETTI REALIZZATI VICINO A TE!

REGION NORD OVEST
Società per gli asili notturni Umberto I Torino Progetto "Bambini ri-denti": è volto all'acquisto di nuova strumentazione per l'ambulatorio di odontoiatria sociale rivolto a persone in difficoltà; in particolare il progetto è destinato a incrementare le prestazioni offerte ai bambini in affido (450 nel 2018) del 10% nel 2020. L'ambulatorio fornisce anche apparecchi ortodontici correttivi. Il servizio è totalmente gratuito.
Fondazione Ospedale Infantile Regina Margherita Onlus Torino Progetto "Terapia assistita con gli animali in bambini vittime di abuso presso l'Ambulatorio Bambi dell'Ospedale Regina Margherita": prevede l’osservazione di 40 bambini vittime di abuso/maltrattamento da parte di una équipe composta da un responsabile di progetto, due referenti dell'intervento, uno psicologo, un coadiutore del cane, un medico veterinario ed i cani. Sono previste 80 ore di Terapia Assistita con Animali e 360 ore di valutazione psicologica.

Associazione CRESC.I Onlus

Savona Progetto "L'acquario in pediatria": progetto artistico per la trasformazione del reparto pediatria dell'ospedale San Paolo di Savona, rendendo l'ambiente più accogliente per i piccoli pazienti. Sarà realizzato un tavolo a forma di veliero, dotato di 6 sedie, e pareti a tema "mondo sottomarino".

 

REGION LOMBARDIA
Bambini Senza Sbarre                                                                 
Milano Il progetto "Papà senza sbarre, parliamone", prevede due azioni specifiche all'interno dei carceri di Bollate ed Opera ed una nelle scuole per raggiungere i figli di genitori detenuti, fuori dal carcere, in ambiente scolastico. L'obiettivo è la tutela dei diritti dei bambini con genitore detenuto, soprattutto in termini di pari opportunità e di reazione all'evento traumatico e alle conseguenze negative correlate.
Naga Onlus Milano Il progetto "Un pediatra per tutti. Progetto per migliorare l’accesso alle cure per i minori stranieri" vuole garantire il godimento del diritto alla salute per i minori figli di cittadini stranieri senza permesso di soggiorno o senza copertura sanitaria svolgendo attività di accoglienza, di informazione e di Intermediazione con le strutture sanitarie

Comitato Maria Letizia Verga

Monza Il progetto "Residence Maria Letizia Verga" vuole sostenere la gestione del Residence che risponde alla necessità dei piccoli malati in regime di dimissione protetta, di vivere insieme ai genitori, vicino all’ospedale, in un ambiente sereno, sicuro e confortevole. Nei casi di trapianto di midollo, la vicinanza all’ospedale è un fattore critico per il successo delle terapie
REGION NORD EST
Fondazione Città della Speranza Onlus           
Padova Il progetto "Servizio di psico-oncologia in oncoematologia pediatrica", rivolto ai pazienti e alle famiglie afferenti al Day-Hospital della Clinica di Oncoematologia Pediatrica di Padova, mira ad offrire loro un sostegno psicologico costante e mirato nelle varie fasi della malattia e nell’off-therapy, attraverso l'assunzione di uno psico-oncologo presente nella sezione “Day-Hospital” dal lunedì al venerdì per sei ore giornaliere.
LILT - Lega Italiana Lotta Tumori Treviso Progetto "Giocare in corsia": il progetto prevede un servizio di animazione e gioco rivolto ai piccoli pazienti dei reparti di pediatria degli Ospedali di Treviso e Conegliano, con attività di laboratori e animazione in reparto per i  bambini affetti da patologie oncologiche; verrà tra le altre cose realizzata un'attività di "biscottificio in pigiama".
Carovana Soc. Coop. Soc. Padova Progetto "Ci Sto? Affare Fatica!" è una iniziativa che prevede il coinvolgimento di 200 ragazzi, con la costituzione di gruppi composti ciascuno da una decina di adolescenti dai 14 ai 19 anni. Ogni gruppo avrà un giovane volontario (tutor) e alcuni volontari adulti (handymen con competenze tecniche e artigianali) che svolgeranno un’attività di volontariato rivolta alla cura dei beni comuni insieme ai ragazzi/e ogni mattina dal lunedì al venerdì.

 

REGION CENTRO NORD
Progetto Arcobaleno Onlus                                                         
Firenze Il Progetto "Vengo anch’io! Azioni per il supporto e il coinvolgimento attivo di minori in situazione di fragilità sociale e a rischio di drop out" intende sostenere percorsi di affiancamento non formale a bambini/e e ragazzi/e preadolescenti e adolescenti in situazione di fragilità sociale allo scopo di prevenire fenomeni di drop out scolastico, di mantenerli/reinserirli in percorsi educativi strutturati e di orientarli verso un uso positivo, rispettoso e consapevole degli spazi pubblici e dei servizi e delle opportunità offerte dal territorio.
TICE Coop. Soc Piacenza Il Progetto "CiciarAPP" vuole sviluppare un'applicazione che unisca due solitudini: quella degli anziani soli e quella degli adolescenti con bisogni educativi speciali che spesso non hanno attività da svolgere nei pomeriggi dopo la scuola. Si propone di formare giovani, già utenti dei servizi Tice, a “chiacchierare” con anziani della comunità locale che trascorrono molto tempo soli.
Fiore Verde Soc. Coop. Soc. Perugia Il progetto "Tra materia e digitale" vuole accompagnare bambine e bambini 0-3 anni (e i loro genitori) ad un uso consapevole delle nuove tecnologie e ad una conoscenza reale e completa delle loro potenzialità, attraverso l’allestimento di contesti immersivi in cui fare esperienza diretta e sviluppare conoscenza al fine di riconoscere il confine che separa la realtà dalla finzione e/o dalla sua rappresentazione.
REGION CENTRO

 

 

Tutti giù per terra Onlus                                                   

Roma Il progetto "Digitalizziamoci: la comunicazione a servizio di autonomia e inclusione" intende migliorare le competenze comunicative di 36 bambini con spettro autistico passando da un utilizzo analogico della Comunicazione Aumentativa Alternativa (strumenti visivi di natura testuale e cartacea) ad uno digitale, dotandosi di nuovi beni strumentali informatici (Tablet e software di comunicazione di ultima generazione).
Associazione AMA CEPRANO Ceprano Il progetto "I colori della vita: incontrare e comprendere il disagio giovanile, promuovere la qualità della vita" intende realizzare interventi di informazione e formazione agli educatori (docenti e genitori) sul riconoscimento di sintomi di crisi e malessere adolescenziale per prevenire tentativi o istinti suicidi e promuovere in loro la riscoperta della vita.
Associazione Genitori Arcobaleno Venafro Il progetto "Nuoto anch’io” è un progetto di acquaticità e di avviamento al nuoto destinato a bambini e adolescenti con gravi disabilità. Una nuotata è normalmente sinonimo di piacevolezza e rilassamento, ma nel caso in cui a fruire di questa opportunità sia un disabile grave, assume una valenza particolare e, con l’aiuto di un operatore specializzato, si trasforma in una situazione di benessere e terapia.
REGION SUD

Associazione S.O.S.

Sostenitori Ospedale Santobono Onlus

Napoli Il progetto "Sogni d'oro - Umanizzazione pittorica" nasce per proporre un ambiente allegro, colorato e adeguatamente illuminato nel reparto di neurochirurgia e neuroncologia pediatrica dell'Ospedale Santobono, il più importante presidio ospedaliero per l'infanzia e l'adolescenza del Sud Italia.
CIAI Bari #tu6scuola è un progetto realizzato in 6 scuole di 6 città in contesti a rischio di dispersione e abbandono scolastico. Il progetto intende intervenire sull'Istituto Manzoni Lucarelli, in una delle realtà più critiche di Bari, con un modello educativo che rafforzi la motivazione all'apprendimento e sviluppi un senso di appartenenza alla scuola, realizzando laboratori e attività didattiche innovative e interattive, creando una rete tra scuola e comunità.
Fondazione Soleterre - Strategie di pace Onlus Taranto Il progetto "Avvio del sostegno psicologico nel reparto di oncologia pediatrica dell'Ospedale di Taranto" offre possibilità di cura a standard elevati per le famiglie del territorio anche dal punto di vista psicosociale, riducendo le forme di diseguaglianza sociale indotte sulle famiglie dalla migrazione sanitaria.
REGION SICILIA
Centro di Accoglienza Padre Nostro Onlus            
Palermo Nel quartiere di Brancaccio, l'associazione fondata dal beato Padre Puglisi continua la riqualificazione del territorio ristrutturando il parco giochi del Centro Polivalente Sportivo per favorire l'inclusione sociale dei minori ospiti delle Strutture che il Centro gestisce e consentire loro la partecipazione alla vita cittadina.
LAD Onlus
Catania Il progetto "LADoro" deriva dall’esperienza sviluppata dall’associazione “L'Albero dei Desideri Onlus” presso l'Unità Operativa Ematoncologia Pediatrica del Policlinico di Catania, finalizzata a sostenere i bambini con neoplasia e le loro famiglie durante il percorso di diagnosi e cura. Il progetto prevede la realizzazione di una struttura polifunzionale in cui si svolgeranno attività rivolte anche a fruitori esterni.
Talita Kum Palermo Il progetto prevede il sostegno all'Orchestra multietnica Quattro Canti, composta da bambini e ragazzi formati attraverso il metodo Abreu. Alcuni dei ragazzi, di età 16-18 anni, vengono coinvolti, con l'ausilio di volontari adulti, in un'azione di peer-education rivolta a bambini di età compresa tra i  7-10 anni, segnalati dalle agenzie educative o su richiesta dei familiari. L'obiettivo è quello di sostenere e sviluppare le capacità di apprendimento, migliorando -  nel contempo - le capacità relazionali e interpersonali