Prove Aperte, musica per il non profit

 
Condividi questa pagina con:
 

Raccomandare questa pagina

 


Le Prove Aperte della Filarmonica della Scala sono ormai diventate un modello efficace di sostegno al non profit grazie alla proficua sinergia tra pubblico, privato e associazioni cittadine che operano nel sociale. Intorno alle Prove Aperte si ritrova infatti un’intera comunità, partecipe di un progetto pensato per sostenere, attraverso la musica, realtà virtuose che operano ogni giorno per migliorare il tessuto sociale della città. È grazie alla rinnovata adesione degli abbonati che con questa nona edizione è già stato superato il significativo traguardo di un milione di euro devoluti a progetti di utilità sociale. Le Prove Aperte coinvolgono i cittadini, i musicisti della Filarmonica della Scala, i grandi direttori, i solisti ospiti, il mondo del non profit milanese rendendo queste esperienze musicali al Teatro alla Scala una grande occasione di solidarietà. 

 

Il successo che l’iniziativa ha raggiunto in questi anni è testimoniato dalla sempre numerosa presenza di pubblico e dall’incremento costante del tasso di fidelizzazione: anche l’edizione 2017 ha fatto registrare il tutto esaurito in ogni serata, per un totale di 9.763 spettatori. La formula dei carnet, che consente di acquistare in un’unica soluzione i biglietti per tutti gli appuntamenti, è stata scelta da 1.119 spettatori. L’importo complessivo devoluto alle quattro organizzazioni beneficiarie della scorsa edizione è stato di € 120.000.

 

Il nuovo ciclo 2017-2018 presenta ancora una volta cinque appuntamenti, di cui il primo interamente gratuito e dedicato alla città. La prova inaugurale è quella del concerto di apertura della Stagione Filarmonica ed è destinata alle persone seguite dai servizi sociali del Comune di Milano, che possono assistere gratuitamente alla preparazione del concerto diretto dal Maestro Chailly.

I successivi appuntamenti sono ormai un’attesa occasione per il pubblico di accedere al Teatro alla Scala a prezzi contenuti (biglietti da 5 a 35 euro) ed essere al tempo stesso parte di un importante progetto benefico. L’intero ricavato dalla vendita dei biglietti ogni anno è infatti devoluto a quattro organizzazioni del territorio che operano nel sociale. Ciò grazie alla generosa partecipazione dei musicisti dell’orchestra, dei direttori e dei solisti; alla collaborazione tra il Teatro alla Scala, il Comune di Milano, il Main Partner UniCredit e al sostegno di UniCredit Foundation che individua l’area d’intervento, valuta i progetti delle organizzazioni non profit e copre i costi organizzativi.

 

La nona edizione sostiene progetti legati al benessere e alla qualità della vita nella terza età. Le quattro realtà beneficiarie delle Prove Aperte - Società Umanitaria, Fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico, Cooperativa Sociale Eureka!, Società di San Vincenzo De Paoli - sono, infatti, organizzazioni che affrontano aspetti diversi dell’invecchiamento. Lavorando su progetti che rispondono a diverse fragilità, operano per arricchire e migliorare questa delicata fase della vita: dalla cura della salute e dei crescenti bisogni di assistenza alla gestione del tempo libero, dal contrasto alla solitudine al supporto nelle difficoltà economiche.

 

Sul podio domenica 5 novembre a dirigere la prova inaugurale sarà Riccardo Chailly. Gli inviti per la serata saranno distribuiti dal Comune di Milano agli utenti dei Centri Socio Ricreativi e dei Centri di Aggregazione Giovanile; una parte sarà distribuita dal Servizio Promozione Culturale del Teatro alla Scala e da ViviMilano, Media Partner dell’iniziativa.

I quattro appuntamenti a pagamento destinati alla raccolta fondi sono: la prova di domenica 21 gennaio diretta nuovamente da Riccardo Chailly con Benjamin Grosvenor al pianoforte a favore di Società Umanitaria; domenica 4 febbraio è la volta di Myung-Whun Chung insieme a Leonidas Kavakos al violino per la Fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico. Segue, domenica 25 marzo, la prova dedicata alla Cooperativa Sociale Eureka! che vede sul podio Yuri Temirkanov con Seong-Jin Cho al pianoforte. Chiude la stagione Daniel Harding con Daniil Trifonov al pianoforte domenica 20 maggio per Società San Vincenzo De Paoli.

 

Le Prove Aperte sono un importante momento di attenzione ai più deboli, ma anche un’esperienza unica dal punto di vista musicale: ciascuna serata è introdotta da una breve guida all’ascolto e offre la possibilità di assaporare l’atmosfera del “dietro le quinte” entrando nel vivo della messa a punto di un grande concerto.

 

I carnet (da 20€ a 140€) saranno in vendita a partire da giovedì 5 ottobre. I biglietti per le singole esibizioni (da 5€ a 35€) saranno in vendita da lunedì 4 dicembre.

Informazioni e prevendite: 02 465 467 467 (lunedì/venerdì, ore 10-13 e 14-17).

Tutte le informazioni su filarmonica.it/proveaperte #ProveAperte

 

Il progetto si realizza col Patrocinio del Comune di Milano. ViviMilano e Radio Popolare sono Media Partner dell’iniziativa. Il coordinamento generale è affidato ad Aragorn.

Calendario Prove Aperte 2018

Programma Prove Aperte 2017

Domenica 5 novembre 2017, ore 19.30

Anteprima ad invito

Riccardo Chailly, direttore  

Čajkovskij, Sinfonia n.2 op.17

Šostakovič, Suite da Una Lady Macbeth del distretto di Mcensk

Stravinskij, Petruška (versione 1947)

 

Domenica 21 gennaio 2018, ore 19.30

A favore di Società Umanitaria

Riccardo Chailly, direttore  

Benjamin Grosvenor, pianoforte

Grieg, Peer Gynt, Ouverture e suite n.1, op.46

Grieg, Concerto per pianoforte in la minore, op.16

Čajkovskij, Sinfonia n.4 in fa minore, op.36

 

Domenica 4 febbraio 2018, ore 19.30

A favore di Fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico  

Myung-Whun Chung, direttore

Leonidas Kavakos, violino

Brahms, Concerto per violino in re maggiore, op.77

Brahms, Sinfonia n. 2 in re maggiore, op.73

 

Domenica 25 marzo 2018, ore 19.30

A favore di Cooperativa Sociale Eureka!

Yuri Temirkanov, direttore

Seong-Jin Cho, pianoforte

Rachmaninov, Concerto per pianoforte e orchestra n. 3 in re minore, op.30

Čajkovskij, Sinfonia n.5 in mi minore, op.64

 

Domenica 20 maggio 2018, ore 19.30

A favore di Società di San Vincenzo De Paoli

Daniel Harding, direttore

Daniil Trifonov, pianoforte

Prokof’ev, Concerto per pianoforte e orchestra n.3 in do maggiore, op.26

Beethoven, Sinfonia n.3 in mi bemolle maggiore, op.55, Eroica

Nove anni di Prove Aperte: un impegno concreto

L’attenzione della Filarmonica per il sociale è testimoniata dalle numerose iniziative promosse dall’Orchestra fin dal 1984, sia con serate dedicate alla raccolta fondi, sia con concerti pubblici dal grande valore simbolico che hanno contraddistinto la sua attività dalle origini con Claudio Abbado.

 

Il ciclo delle Prove Aperte nato nel 2010 dalla collaborazione tra Filarmonica della Scala, Comune di Milano, il Main Partner UniCredit e UniCredit Foundation, in otto anni ha permesso di devolvere circa 980.000 euro a progetti per il sociale di tante organizzazioni non profit milanesi. Ne hanno beneficiato: nel 2010 Fondazione Don Gnocchi, Fondazione Arché, Casa della Carità e Fondazione Floriani; nel 2011 Comunità Nuova, Vidas, Centro per anziani “Ercole Ratti”, Scuola Italiana di Senologia e Opera San Francesco per i Poveri; nel 2012 OBM Onlus, CasAmica, Bambinisenzasbarre, COMIN; nel 2013 Opera Cardinal Ferrari, Centro Francescano Maria della Passione, Cena dell’Amicizia e Pane Quotidiano; nel 2014 Caritas Ambrosiana, Auser Volontariato Milano, Fondazione Progetto Arca, Associazione Seneca; nel 2015 UILDM Milano, HANDICAP...su la testa!, Associazione iSemprevivi+onlus, Progetto Itaca; nel 2016 Fondazione IEO - CCM, Fondazione IRCCS Istituto Neurologico Carlo Besta, Fondazione Centro San Raffaele, Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori; nel 2017 La Strada Onlus, La Lanterna Onlus, Amici di Edoardo Onlus e Azione Solidale Onlus.

 

Al progetto della Filarmonica della Scala hanno aderito generosamente alcuni dei più prestigiosi musicisti del nostro tempo tra i quali Marc Albrecht, Daniel Barenboim, Semyon Bychkov, Riccardo Chailly, Myung-Whun Chung, Ottavio Dantone, Christoph Eschenbach, Daniele Gatti, Valery Gergiev, Daniel Harding, Fabio Luisi, Zubin Mehta, Gianandrea Noseda, Andrés Orozco-Estrada, Georges Prêtre oltre ai musicisti dell’Orchestra. Il livello altissimo degli artisti coinvolti ha fatto delle Prove Aperte anche un’occasione straordinaria di accesso alla Scala a prezzi contenuti per un vasto pubblico di appassionati di musica, che possono incontrare gli artisti prima dell’inizio ed essere introdotti all’ascolto.